Consigli di lettura Editoriale News - Varese Varese

Don Franco Carnevali. Il ricordo di Rosangela Carù

Don Franco Gallarate

«Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio» Sap. 3,1

Domenica 22 marzo, il Signore ha chiamato a sé, per fare festa con Lui, don Franco Carnevali che si aggiunge alla schiera dei Sacerdoti vittime di un invisibile nemico.

Lo sconcerto e il dolore è tanto, troppo…solo la fede nell’Amore di Dio ci può dare il conforto necessario.

La Comunità di Madonna in Campagna lo ricorda con affetto grande.

Il legame con il nostro Santuario e la nostra Parrocchia si è manifestato sin dai primi momenti del suo arrivo a Gallarate, perché ci ha guidato e accompagnato amorevolmente durante l’attesa del nuovo Parroco, nel periodo vacante tra don Ambrogio e don Carlo.

Don Franco, annualmente, presiedeva la Celebrazione Eucaristica alla Festa patronale della Rama di Pomm come la tradizione vuole e cioè che il Prevosto della città venga a rendere omaggio a Maria nel suo Santuario. E negli anni, numerose sono state le Messe da lui celebrate in diverse occasioni, con omelie che coniugavano sempre fede e vita.RAMA DI POMM 2011 112

 In particolare, l’Azione Cattolica lo ricorda con riconoscenza.

Nel 2001, la nomina di don Franco Carnevali come Prevosto della città di Gallarate aveva colto di sorpresa e contemporaneamente aveva riempito di profonda gioia tutti noi di A.C.

Allora don Franco, tra gli altri incarichi svolti in Diocesi, era Assistente di Azione Cattolica e, pertanto, lo incontravamo spesso agli incontri formativi.

Lui stesso veniva a Gallarate per preparare gli animatori dei Centri di Ascolto del Vangelo.

Era un volto noto, amato e don Franco conosceva già la città che si preparava ad accoglierlo.

Durante questi anni abbiamo sentito vivo e arricchente il suo amore per l’A.C.;  ci ha sempre incoraggiato a vivere con entusiasmo la nostra condizione di laici, non come semplici esecutori, ma da protagonisti corresponsabili per il bene  della Chiesa. Inoltre, ci ha spronato a rendere la nostra Associazione accogliente ed attenta alla dimensione decanale e diocesana.

Un ricordo personale va al giorno della mia nomina a Responsabile Decanale: porterò sempre nel cuore le sue parole di incoraggiamento, di sostegno e il suo sorriso di approvazione dopo il mio “si” di accettazione.

La Lectio Divina e i Gruppi di Ascolto della Parola di Dio erano ambiti in cui don Franco si era particolarmente distinto per la sua preparazione.

Con lui la Scuola della Parola, che da allora viene svolta nel nostro Santuario, divenne un punto di riferimento costante per tutti i fedeli del decanato.

MINOLTA DIGITAL CAMERA

Con la sua fede e la sua guida sapiente ci ha trasmesso l’amore per la Parola di Dio, sempre spiegata e analizzata nel profondo, in maniera incisiva; ci ha aiutato a cogliere anche quelle sfumature nascoste, ma preziose per la nostra anima.

Ci ha fatto comprendere che siamo cristiani nel mondo, ma non del mondo e che dobbiamo saper vivere e  testimoniare con la nostra vita la Parola meditata.

Numerosi sono stati gli Animatori dei Gruppi di Ascolto preparati da lui:  ha permesso a ciascuno di interiorizzare la Parola, per poterla comunicare e condividere con le persone.

Sapeva esprimere contenuti difficili con semplicità e chiarezza; alla spiegazione accurata del testo, aggiungeva sempre spunti pratici, inerenti al vissuto quotidiano, per aiutarci a comprendere più facilmente come vivere quanto appreso.

Don Franco è stato Prevosto di Gallarate dal 2001 al 2012, diventando Responsabile della Comunità Pastorale “S. Cristoforo” nel 2007.

È rimasto a Gallarate fino al 2012, anno in cui il Cardinal Angelo Scola lo nominò Vicario Episcopale della Zona VI di Melegnano.

Durante il suo ministero pastorale nella città e nel decanato si è distinto per il suo impegno in tanti ambiti.

Mi permetto di ricordare solo quelli in cui ho collaborato direttamente con lui a livello decanale:

  • l’Azione Cattolica: sempre disponibile all’ascolto, al confronto, a sostenere e promuovere l’Associazione con entusiasmo;
  • il Consiglio Pastorale: programmato ogni volta con precisione, coinvolgendo i Consiglieri alla corresponsabilità e all’amore per la Chiesa. Ascoltava tutti e, alla fine, nel fare sintesi ci dava sempre indicazioni e spunti concreti per il successivo cammino;
  • il Consultorio per la Famiglia: non secondario è stato il suo impegno con incontri, proposte, decisioni, tutto con passione e generosità.

Merita una nota particolare anche il suo spendersi per favorire il dialogo interreligioso: durante il Ramadan dei fedeli musulmani che si ritrovavano vicino al nostro Santuario, don Franco presenziava all’incontro culturale e di preghiera che veniva programmato.

Inoltre, aveva sostenuto e incoraggiato la partecipazione dei laici alla vita sociale e politica della città: a tutti ricordava che la costruzione della “città dell’uomo” è un compito importante per i cristiani e che l’impegno politico, come diceva san Paolo VI, è “la forma più alta della carità”.

Mettiamo don Franco sotto lo sguardo materno della Madonna che è sempre venuto a pregare con devozione nel nostro Santuario, certi che ora Maria lo accompagnerà nel Santuario della vita eterna.

GRAZIE don Franco per la tua testimonianza sacerdotale, ti abbiamo voluto bene.

 Solo l’amore resta, l’amore dato e l’amore ricevuto.

 Rosangela Carù

    Scrivi un commento