QUANDO?
18 ottobre 2018 ore 21.00
Google Calendar iCal

Abbattere i muri di separazione – Presentazione Lectio Divina

lectio 18

PRESENTAZIONE DEL PERCORSO DI LECTIO DIVINA

ABBATTERE I MURI DI SEPARAZIONE

Per una Chiesa fino ai confini della Terra

Interviene: Pedro di Iorio – Responsabile Servizio Accoglienza Immigrati Caritas Ambrosiana

Il Sinodo minore indetto dal nostro Arcivescovo impegna le comunità della Diocesi a rileggersi per diventare consapevoli che siamo “Chiesa dalle genti”. Nell’epoca di cambiamento che stiamo vivendo, uno dei tratti più evidenti sono l’incontro e la presenza nelle nostre terre di persone di altri paesi e di altre culture. Non possiamo pensarci come comunità di Cristo stando semplicemente accanto a loro e immaginando che dovremmo essere “accoglienti” solo nel senso di “permettere” a queste persone di partecipare alle nostre cose. Questo tempo ci chiede molto di più. Ci domanda di ripensare il senso dell’essere Chiesa, di riconoscere che nessuno è straniero o ospite ma che tutti siamo concittadini dei santi e familiari Dio, “edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, avendo come pietra d’angolo lo stesso Cristo Gesù” (Ef 2, 19-20).
Ma il cammino per acquisire tale consapevolezza non è automatico. Abbiamo bisogno di convertirci e di lottare per vincere la tentazione di rimanere chiusi nelle nostre abitudini perché timorosi di trovarci esposti a qualcosa di troppo nuovo.
La Lettera di Paolo agli Efesini la proponiamo come un alimento utile e opportuno per la nostra conversione. Le esortazioni che Paolo rivolge a tale comunità nascono dall’invito a riconoscere che siamo potentemente rafforzati nell’uomo interiore mediante lo Spirito di Dio (cfr. Ef 3, 16).
L’indirizzo della nostra conversione è quello di sentirci chiamati a contribuire ad “abbattere i muri di separazione” forti dell’armatura di Dio che ci rende capaci di resistere alle insidie del diavolo (colui che separa) (cfr. Ef 6, 11), e quello di alzare lo sguardo per accorgerci che la Chiesa non ha i nostri confini, anzi, che di confini non ne ha proprio.
Come lo scorso anno, abbiamo aggiunto qualche breve nota per stimolare, alla fine del percorso, una verifica personale sul cammino compiuto. E abbiamo ritenuto di mantenere la bella preghiera del Cardinale Martini. Abbiamo anche voluto offrire alcuni passi della Gaudete et Exsultate che ci sono sembrati attinenti ai contenuti dei diversi incontri.

L’invito, tuttavia, è di riprendere, personalmente, la lettura integrale dell’Esortazione apostolica di Papa Francesco come testo prezioso che fa “risuonare ancora una volta la chiamata alla santità, cercando di incarnarla nel contesto attuale, con i suoi rischi, le sue sfide e le sue opportunità. Perché il Signore ha scelto ciascuno di noi per essere santi e immacolati di fronte a Lui nella carità” (GE 2).

Basilica di San Satiro: via Torino, 17-19, Milano

Scrivi un commento