ACR Consigli di lettura News - Rho Rho

Festa della Pace – Zona IV

festa della pace 19-5

MANI IN PASTA PER SERVIRE LA PACE

Nonostante sia passato ormai un mese dal weekend delle feste della Pace targate ACR, il ricordo della giornata vissuta a Olgiate Olona (zona IV di Rho) è ancora vivo nella memoria.festa della pace 19-5

La mattina ragazzi, giovani e adulti hanno partecipato alla Messa insieme alla comunità della parrocchia dei SS. Stefano e Lorenzo, che ci hanno calorosamente accolto. A presiedere la celebrazione era presente il rettore del seminario di Venegono mons. Michele Di Tolve, che ci ha regalato diversi spunti di riflessione a partire dalla pagina del Vangelo: l’episodio delle nozze di Cana; ha soprattutto posto l’accento sulla figura dei servi, gli unici testimoni, oltre a Gesù e a Maria, di qualcosa di veramente eccezionale; in questo episodio scopriamo un Dio che non “vuole” operare da solo, ma desidera collaborare con l’uomo perché, come ha sottolineato don Michele, vuole dirci la stima che ha nei confronti dell’umanità e per ricordarci che l’uomo ha dei doni che però deve spendere per gli altri.

Al termine della celebrazione, mons. Di Tolve ha salutato ragazzi e adulti di AC con una domanda: “E tu quale passo farai quest’anno? Qual sarà il tuo personale ECCOMI?”, ricordando l’importanza di mettersi in ascolto della realtà per poi mettersi al servizio dell’altro perché solo nel fare la volontà di Dio si trova la gioia senza fine. Buon cammino!”

Prima del pranzo, i ragazzi hanno proprio “messo le mani in pasta” per preparare stuzzichini, dolci e spiedini di frutta che hanno poi condiviso con gli adulti.festa della pace 19

Durante il pomeriggio, i ragazzi, attraverso il gioco e guidati dai loro educatori, si sono trovati insieme per riflettere sul valore del cibo e sulla dignità dei lavoratori che si impegnano a produrlo.

Agli adulti, invece, è stata data la possibilità di un momento di discussione e confronto a partire dal messaggio di papa Francesco per la giornata mondiale della pace 2019, “La buona politica è al servizio della pace”. Anche qui tanti spunti e piste di riflessioni con la sottolineatura finale ripresa dal paragrafo 3 del messaggio: ogni rinnovo delle funzioni elettive, ogni scadenza elettorale, ogni tappa della vita pubblica costituisce un’occasione per tornare alla fonte e ai riferimenti che ispirano la giustizia e il diritto. Ne siamo certi: la buona politica è al servizio della pace; essa rispetta e promuove i diritti umani fondamentali, che sono ugualmente doveri reciproci, affinché tra le generazioni presenti e quelle future si tessa un legame di fiducia e di riconoscenza.festa della pace 19-3

Sicuramente è stata un’altra bella occasione per ricordarci, come scriveva Vittorio Bachelet.

Noi dobbiamo essere, in questa società inquieta e incerta, una forza di speranza e perciò una forza positiva capace di costruire nel presente per l’avvenire.

Norma

    Scrivi un commento