Consigli di lettura Editoriale

“Adoro il lunedì” approda oltre lo… Stretto

ponte

Sì, anche quest’anno siamo qui a tracciare un breve bilancio della bella e intensa esperienza di Adoro il lunedì che abbiamo vissuto per il terzo anno presso la Cappella della Stazione Centrale di Milano, al binario 21.

Abbiamo iniziato lunedì 28 novembre dello scorso anno e abbiamo concluso lunedì 26 giugno, proponendo il momento di preghiera per ventisei lunedì non festivi.

A me, come gli scorsi anni, il compito di organizzare i turni di presenza: devo dire davvero un grosso grazie ai miei amici Mimmo Romano e Valentina Scarano per la loro presenza costante e per la fedeltà nell’impegno assunto a nome e per conto dell’Azione cattolica (il mio grazie si estende anche a Rosina Tonet che ha fatto parte del nostro team sino a febbraio quando poi un serio problema familiare l’ha costretta, suo malgrado, ad interrompere l’esperienza).

Abbiamo deciso, in questo terzo anno, di anticipare l’inizio della preghiera alle 7:30, in quanto la maggior parte delle persone transita per la Cappella tra le 7:30 e le 8;10: intercettiamo mediamente circa 40 persone ed è aumentato il numero di coloro che, fedelissimi, ritroviamo puntualmente ogni lunedì.

Distribuiamo ad ogni persona una strisciolina di carta, con riportato il Vangelo del giorno e, a partire da quest’anno, mi sono impegnato a preparare un brevissimo commento che segue la proclamazione della Parola: lasciamo poi uno spazio dedicato al silenzio e infine concludiamo con la recita comunitaria di Adoro il lunedì.

Ormai c’è molta familiarità con i presenti e, alcuni tra loro, hanno scritto un loro pensiero sull’esperienza proposta dall’Ac.

Come sempre, un grazie particolare va a don Germano Battaglia, il sacerdote salesiano che ci dà ospitalità e che rende quindi possibile la nostra iniziativa: anzi, mi ripete sempre, lui è felice che la Cappella viva grazie a chi, come la nostra Associazione, la rende occasione di riflessione e di preghiera.

Ma il bilancio di questo terzo anno non finisce qui, anzi ha un bellissimo seguito.

Succede che l’amico Luca Bertoletti, anche lui tra coloro che hanno dato il via a questa esperienza, parla di Adoro il lunedì con Alessandra Currò, socia di Ac nella Diocesi di Messina: lei ne rimane entusiasta e Luca le fornisce le mie coordinate. Ne parliamo telefonicamente, mi chiede qualche consiglio e decide poi di proporre Adoro il lunedì nella sua città a partire dal 3 giugno.

Ecco cosa mi scrive il 19 giugno: “La nostra iniziativa va avanti ed ha trovato gradimento e sostegno nei due sacerdoti gesuiti che celebrano nella Chiesa dove ci ritroviamo per l’Adoro il lunedì. Una signora che partecipa quotidianamente alla Messa del mattino ci segue ed arriva prima per partecipare alla preghiera ed anche adesso che si è trasferita nella casa al mare viene appositamente il lunedì mattina per la preghiera. Siamo pochini, ma andiamo avanti fiduciosi”.

In questo evento ho subito pensato a Pier Giorgio Frassati e alla sua grande intuizione quando scrive “Io vorrei che giurassimo un patto che non conosce confini terreni né limiti temporali: l’unione nella preghiera”.

Milano-Messina: davvero questo patto è già approdato oltre lo Stretto…

Marco Castiglioni

1 commento

Scrivi un commento