Consigli di lettura Editoriale

Il Quinto Vangelo – di Gigi Pizzi

bethlehem-1010828_1920

Un viaggio in Terra Santa è un’occasione imperdibile per scoprire il “Quinto  Vangelo”: il luoghi dove Gesù ha vissuto e predicato. Qui infatti le persone e addirittura le pietre, se si sa ascoltarle, narrano e testimoniano quanto accaduto 2000 anni fa; soprattutto fanno capire e toccare con mano le contraddizioni che ancora oggi rendono difficile qui la Vita.

Nel nostro viaggio in questa Terra abbiamo voluto incontrare la società civile nella persona del sindaco di Betlemmme, rappresentante della comunità. Nel dialogo con lui siamo stati aggiornati circa le condizioni in cui si trova a vivere la popolazione cristiano-palestinese e proprio in questi giorni si sono verificati momenti di tensione, che per fortuna  non sembrano aver avuto gravi conseguenze. Per questo al momento non si può certo dire che la pace sia all’orizzonte.

I palestinesi, ci ha detto il sindaco,  rivendicano il rispetto degli ultimi accordi secondo i quali gli israeliani non dovrebbero creare nuovi insediamenti e chiedono sia rispettato il loro diritto alla libertà e riconosciuta la loro possibilità di movimento al di là del Muro eretto dopo la seconda “intifada”. Alla nostra domanda se esiste almeno qualcuno nel campo israeliano disposto e interessato al dialogo la risposta è stata negativa; inoltre la comunità internazionale, intendendo i  capi politici, non dimostra negli ultimi tempi simpatia per la causa palestinese come

Invece sembra essere espressa da parte della gente comune che chiede la Pace. Certo il contesto generale nei paesi del medio oriente e la minaccia terroristica non agevola nè ben dispone gli organismi internazionali a fare concreti passi verso la pacificazione della zona.

Comunque, a detta della gente, NESSUNO vuole la guerra ma questa situazione è il risultato di scelte politiche condizionate da entrambe le parti da tendenze integraliste religiose.

Come e quando se ne uscirà è difficile da dire, da parte nostra possiamo solo confermare che in questo 4 anni di esperienza estiva a Betlemme ci sembra che le condizioni di vita in queste terre siamo peggiorate anche se il calore umano e l’accoglienza che ci vengono accordati sono in grande aumento a conferma della grande umanità che questa terra sa esprimere.

Gigi pizzi

Scrivi un commento