Consigli di lettura Editoriale

In cammino verso l’Assemblea #4 – Simone Bosetti

simone_bosetti

L’ASSEMBLEA DIOCESANA CON GLI OCCHI DI UN GIOVANE

Domenica 23 febbraio si celebrerà l’ultimo atto del percorso assembleare, l’assemblea diocesana. Da qualche mese ci stiamo preparando, prima in parrocchia, poi nei decanati e infine nelle zone pastorali.

L’assemblea non è un evento ma un processo. A prima vista potremmo dire che è un impegno gravoso, macchinoso, sicuramente molto oneroso da organizzare ogni tre anni.

Ci rendiamo subito contro però di quanto sia altrettanto ricco: incontri, discussioni, pensieri, preghiere, votazioni caratterizzano questi mesi, che rappresentano l’essenza democratica di un’associazione che diligentemente, ogni tre anni, si riunisce dalla piccola parrocchia all’intera nazione per decidere insieme quali linee, strategie e stile siano prioritari per il futuro.

Questa consuetudine, specialmente nel nostro tempo, è anche occasione per verificarsi costantemente e leggere insieme i segni dei tempi. È l’opportunità di correggere a tappe fisse il progetto di un’associazione immersa nella realtà, sempre più veloce e difficile da comprendere.

Mi pare sia l’unico modo per “rimanere sul pezzo” e non rischiare “avvitarsi” su sé stessi e su problematiche interne.

Da giovani, e forse non solo, siamo interrogati rispetto al processo assembleare, e dalle scelte di responsabilità che esso chiede, dalla più piccola alla più grande.

Da un lato sempre più rileviamo la difficoltà di trovare chi si metta al servizio senza timore di essere poi “lasciato solo” o di “giocarsi troppo”, anche tra i più vicini. Questo ci fa riflettere su come viviamo e trasmettiamo il nostro essere cristiani, più o meno intenti ad esprimere i pesi piuttosto che le gioie, tuttavia ben consapevoli di essere inevitabilmente immersi in un mondo dove prevale l’individualismo anziché l’impegno, specialmente se comporta una scelta pubblica e schierante.

Dall’altro è però affascinante incontrare persone che rispondono SI’ ad una chiamata, nel completo affidamento, sicuri di essere parte e strumenti di un progetto più grande! Sembra quasi anacronistico nel nostro mondo ed è un enorme dono. Vuol dire avere la coscienza di essere parte di quel popolo numeroso (slogan di quest’assemblea 2020), sentendosene responsabili.

Noi giovani, ma credo tutti, cogliamo così ancora di più il valore del processo assembleare, occasione di profondo scambio di opinioni, incontro tra generazioni, reciproco tentativo di essere discepoli missionari nel mondo in cui ci è donato di vivere.

Buona assemblea, con l’augurio che possa essere occasione di dono reciproco!

Simone Bosetti, vicepresidente giovani Ac ambrosiana

 

Scrivi un commento