Consigli di lettura Editoriale

In cammino verso l’Assemblea #5 – Fabio Pizzul

fabio pizzul

Assemblea, momento di vita

L’Assemblea diocesana è momento vitale per l’Azione Cattolica. Non si tratta di un semplice atto formale di conferma o avvicendamento di responsabilità, è occasione di riflessione e discernimento sul cammino svolto e di progettazione del futuro. E’ caratteristica dell’associazione che questo avvenga non per scelta dettata da qualcuno, ma per maturazione comune attraverso un cammino che si radica nelle concrete comunità ecclesiali delle diverse zone della nostra diocesi. Un cammino  a volte faticoso, anche perché è sempre più difficile garantire una presenza capillare nelle parrocchie, ma estremamente importante per non perdere la dimensione popolare di un’associazione che abita tutti luoghi di vita delle persone e non si limita a proporre eventi simbolici che rischiano di essere slegati dalla quotidianità. Il percorso di confronto con la Parola che ha guidato il cammino preparatorio all’Assemblea mi pare dica bene la necessità di interrogarsi sulla condizione concreta della nostra chiesa locale: le sette chiese dell’Apocalisse ci ricordano come non esiste luogo in cui sia impossibile vivere l’incontro con Cristo e, al contempo, sia sempre necessario essere realisti e non vagheggiare comunità ideali, che non sono mai esistite, all’insegna della nostalgia per i bei tempi andati o di un’utopia che ci allontana dalle nostre realtà quotidiane. Il percorso assembleare è prezioso anche perché ci chiama a riflettere e a confrontarci sul cammino delle nostre comunità, chiedendoci quale possa essere il ruolo di un’associazione come l’AC in un momento molto delicato per qualsiasi aggregazione sociale. Di fronte alla tentazione di rifugiarsi nel privato o di nascondersi dietro formalismi che rassicurano, un forte richiamo alla dimensione spirituale è, per l’Azione Cattolica, invito a una testimonianza personale e associativa che non passerà più attraverso la forza dei numeri, ma dovrà sostanziarsi nella credibilità di vite capaci di costruire buone relazioni e segni concreti di speranza. E’ il modo in cui rendere concreta la chiesa in uscita a cui ci richiama papa Francesco, che parte da periferie esistenziali lette non come luoghi di emarginazione, ma luoghi da riscaldare con il calore di relazioni buone, fondate sulla forza che deriva dal sapere di avere accanto Gesù. Il cammino fatto negli scorsi mesi trova un singolare compimento e un’occasione di rilancio proprio nell’Assemblea in cui si entra in dialogo con l’Arcivescovo, rinnovando la disponibilità dell’associazione al servizio della diocesi e accogliendo le sue sollecitazioni per il prossimo futuro. Il prossimo 23 febbraio, l’Assemblea sarà momento di festa per la possibilità di rivedere persone con cui abbiamo condiviso scelte e cammini, sarà momento di ringraziamento per la generosità di chi regala il proprio tempo all’associazione, sarà momento di affidamento al Signore del prossimo triennio associativo. Un momento di vita da celebrare con gioia.

Buona assemblea!

Fabio Pizzul, presidente diocesano Ac ambrosiana dal 2002 al 2008

Scrivi un commento