Giovani Giovani

Vangelo del giorno – Domenica

ascolto parola

DOMENICA 16 DICEMBRE

Lettura del Vangelo secondo Gv 3, 23-32

In quel tempo. Giovanni battezzava a Ennòn, vicino a Salìm, perché là c’era molta acqua; e la gente andava a farsi battezzare. Giovanni, infatti, non era ancora stato gettato in prigione.
Nacque allora una discussione tra i discepoli di Giovanni e un Giudeo riguardo alla purificazione rituale. Andarono da Giovanni e gli dissero: «Rabbì, colui che era con te dall’altra parte del Giordano e al quale hai dato testimonianza, ecco, sta battezzando e tutti accorrono a lui». Giovanni rispose: «Nessuno può prendersi qualcosa se non gli è stata data dal cielo. Voi stessi mi siete testimoni che io ho detto: “Non sono io il Cristo”, ma: “Sono stato mandato avanti a lui”. Lo sposo è colui al quale appartiene la sposa; ma l’amico dello sposo, che è presente e l’ascolta, esulta di gioia alla voce dello sposo. Ora questa mia gioia è piena. Lui deve crescere; io, invece, diminuire».
Chi viene dall’alto è al di sopra di tutti; ma chi viene dalla terra, appartiene alla terra e parla secondo la terra. Chi viene dal cielo è al di sopra di tutti. Egli attesta ciò che ha visto e udito.

COMMENTO

Il Vangelo di oggi ci presenta la differenza tra l’azione di Gesù e quella di Giovanni; ad indicarci quale sia la differenza sostanziale è lo stesso Giovanni che, interrogato dai suoi discepoli circa la purificazione rituale, afferma che Gesù è l’inviato di Dio. Giovanni riconosce che Gesù “viene dall’alto” e per questo è “al di sopra di tutti”; ed
è Lui colui al quale ha preparato il cammino e che noi dobbiamo accogliere. Il Battista sposta ancora una volta l’attenzione dei discepoli su Gesù, indicandolo come colui da seguire, “Lui deve crescere; io, invece diminuire”.
Giovanni è così paradigma per ogni cristiano: riconoscersi servo inutile e aiutare gli altri ad accogliere Gesù nella propria vita.

Domande:

Quante volte ci facciamo prendere dalla nostra superbia e dalla nostra voglia di primeggiare, dimenticandoci di essere servi inutili?

Sono in grado come il Battista di preparare il cuore di chi mi sta accanto all’incontro con il Signore?

Preghiera:

Lampada per i miei passi è la tua parola
luce sul mio cammino.
Meravigliosi sono i tuoi insegnamenti:
per questo li custodisco.
La rivelazione della tua Parola illumina,
dona intelligenza ai semplici.
(Sal 119,105.129-130)

Scrivi un commento