Giovani Giovani

Vangelo del Giorno – Lunedì

ascolto parola

LUNEDì  SANTO 26 MARZO

Lettura del Vangelo secondo Luca 21, 34-36
In quel tempo. Il Signore Gesù diceva ai suoi discepoli: «State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

COMMENTO
Il tempo è un dono prezioso, ma anche un compito, una responsabilità: Gesù ci richiama al lavoro di attenzione su di sè, mai scontato, in particolare alla custodia del proprio cuore. C’è da verificare, al tramonto di ogni giorno, se abbiamo dissipato tempo ed energie in attività che non sono poi così importanti; se ci siamo ubriacati di cose che fanno perdere il contatto con la realtà; se ci siamo affannati a mantenere un elevato ritmo di vita, perdendo il respiro e la serenità interiore. Questi versetti del Vangelo ci pungolano e ci aiutano ad evitare il rischio di lasciarci sorprendere impreparati dall’arrivo della Pasqua del Figlio dell’uomo e dall’amarezza di riconoscere che in fondo anche quest’anno la Quaresima e la Pasqua sono passate senza lasciare traccia nel nostro cuore e nella nostra vita. Ma la Quaresima non è ancora finita e il Triduo non è ancora iniziato… Abbiamo ancora occasione per tenere vigile l’attenzione e rinnovare l’impegno a non lasciarci vincere dalla mediocrità e a dare spessore a ogni nostro giorno, invocando dallo Spirito la forza per vivere all’altezza della nostra vocazione di figli di Dio e la dimensione contemplativa della quotidianità.

DOMANDE

• Riconosco il valore dell’esame di coscienza come momento prezioso non per commiserarsi, ma per mettersi davanti al Signore, fare verità e liberare il proprio cuore?

• Quale “segno” vorrei che lasciasse in me, questa Pasqua?

PREGHIERA
*Adoro il lunedì oppure
* Signore nostro Dio!
Quando la paura ci prende,
non lasciarci disperare!
Quando siamo delusi,
non lasciarci diventare amari!
Quando siamo caduti,
non lasciarci a terra!
Quando non comprendiamo più niente
e siamo allo stremo delle forze,
non lasciarci perire!
No, facci sentire la tua presenza e il tuo amore
che hai promesso ai cuori umili e spezzati
che hanno timore della tua parola.
E’ verso tutti gli uomini
che è venuto il tuo Figlio diletto,
verso gli abbandonati:
poiché lo siamo tutti,
egli è nato in una stalla e morto sulla croce.
Signore, destaci tutti e tienici svegli
per riconoscerlo e confessarlo.

Karl Barth

 

ADORO IL LUNEDI’

Scrivi un commento