FUCI Giovani Giovani News

Vangelo del giorno – Mercoledì

ascolto parola

MERCOLEDì 21 FEBBRAIO

Lettura del Vangelo secondo Matteo 5, 17-19

In quel tempo. Il Signore Gesù diceva ai suoi discepoli: «Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento. In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto. Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli»

Commento

Gesù, in questo brano evangelico, sembra volerci dire che non è venuto sulla terra per distruggere la Legge, né per consacrarla.
Egli continua a riconoscere ai precetti dell’Antico Testamento tutta la loro importanza, ma intende darle una nuova forma, realizzando nella pienezza ciò verso cui la Legge già di per sé era avviata, arrivando a realizzare, nella sua persona, ciò che i profeti avevano annunciato. Questa parola di Gesù deve risvegliare la nostra responsabilità discepoli, quella di ricordarci sì di osservare la Legge, ma soprattutto di non dimenticarci che è l’amore, in cui già si riassumeva la legge antica, il comandamento nuovo di Gesù.

Domande

Domandiamoci, illuminati dallo Spirito, come viviamo noi la Legge di Dio, se la percepiamo come un limite alla nostra libertà oppure come una possibilità nuova di luce e di speranza.
Chiediamoci se dimostriamo coraggio e perseveranza nell’osservare i precetti che la Legge ci ha insegnato e se siamo in grado di insegnarli anche alle persone che incontriamo nella nostra vita.

 

1 commento

  • parole che non lascia spazio – è tempo della chiarezza, l’intelligenza deve modellare la volontà alla Parola e nella logicità del pensiero indirizzarla al “sì” della verità e della libertà chiedendo alla Madonna assistenza, Lei che dell’avvento e dell’attesa è maestra e gioiosa presenza.

Scrivi un commento