ACR Adulti Adulti più Consigli di lettura Famiglia News - Varese Territorio Varese

Vedano Olona: una domenica con l’Ac

IMG-20180204-WA0006

Era un po’ di tempo che l’idea mulinava nell’aria: far partire il gruppo di A.C.R nella nostra Vedano. L’emergenza educativa che la cronaca ogni giorno ci ricorda come non più rinviabile ha bisogno di risposte. Non esistono luoghi “sicuri” che possano sostituirsi alla responsabilità degli adulti. Ogni comunità che abbia a cuore la crescita umana e spirituale dei propri figli è chiamata a dare queste risposte. Per noi, oltre al faticoso lavoro delle parrocchie, delle catechiste, degli educatori, dei genitori e della scuola una risposta può essere l’ A.C.R..Un sogno fino a ieri. Oggi abbiamo deciso di renderlo concreto. L’occasione propizia si è presentata con la Festa della Vita. Già nella giornata dell’adesione, l’8 dicembre, tra la presentazione dell’ A.C. e la sua storia, la raccolta delle adesioni vecchie e nuove e l’ organizzazione dell’ aperitivo dei 150 anni aperto a tutti, ci eravamo lasciati un tantino frastornati seppur contenti, eppure troppo rapidi gli sguardi, tante le relazioni mordi e fuggi. Qualcosa era rimasto in sospeso. Abbiamo avvertito come una necessità incontrarci nuovamente in luogo che fosse ideale per parlarsi, confrontarsi in un clima sereno e tranquillo. Quale meglio della mensa dell’ Oratorio? EAc vedano olona’ nato così un pranzo condiviso aperto ai soci e agli amici. E’ bastato un messaggio sui social, una mail e qualche telefonata per raggiungere tutti. E le risposte non  si sono fatte attendere. Del pranzo cosa dire? Una gara di generosità che ha coinvolto tutti. Ancora oggi qualche amico, incontrandomi, mi ricorda quanto era buono il ragù della Terry. E una serie infinita di secondi, il dolce, i vini. Quasi un pranzo di nozze.

Durante una pausa del pranzo Mattia, nostro A.C.R della prima ora, ci ha testimoniato , con gioia ed entusiasmo, le finalità e la bontà del percorso riservato ai giovanissimi ingrediente principale di questa proposta educativa.

Dulcis in fundo Gianni il re della fisarmonica. Ci ha trascinato in un vortice di valzer e canti popolari. EVedano olona ballo sono partiti il ballo ed il “coro” dei presenti ad accompagnare questo momento di gioia.

Uno spaccato locale della grande e bella famiglia di A.C. .

Riposti gli attrezzi della festa, lasciata la mensa linda come nuova, c’è stata la possibilità di visitare la mostra su Pinocchio le cui vicende appaiono quanto mai attuali. Qualcuno di noi era stato a quella meraviglia di incontro organizzato a Venegono e tenuto dal prof. Nembrini sulla lettura in chiave biblica della storia del burattino di Collodi.

Non poteva chiudersi una giornata così intensa senza l’incontro con Gesù nella preghiera. Accompagnati dal nostro parroco don Daniele abbiamo detto un grazie per l’esperienza di comunione e pregato per la Vita così fragile e così preziosa, per gli ammalati, le persone in difficoltà, senza lavoro, senza patria, senza diritti. E’ un mondo complicato quello che ci è dato di vivere e per questo richiede un surplus d’amore e impegno. A noi è affidato questo presente-futuro e ci è chiesto di fare come la povera vedova: tutto quello che aveva.  

    Scrivi un commento