ACR Lecco Materiale A.C.R. News - Lecco Responsabili Territorio

Acr Lecco: giovani giornalisti sulle orme della “Buona Notizia”

acr -bimba agenda

“Il momento dell’incontro dell’Acr che mi è piaciuto di più è stato quando tutti hanno detto le proprie notizie perché ognuno ha parlato di argomenti diversi: sport, religione, salute…”.

Tommaso, quarta elementare, racconta le sue impressioni dopo l’incontro degli acierrini di Lecco di domenica 15 novembre. Un pomeriggio on line, fisicamente lontani ma vicini in amicizia, i ragazzi hanno vissuto un bel momento di formazione, dialogo, creatività a partire dal tema “Segui la notizia”. Con loro un’educatrice (Silvia) e alcuni genitori, assieme al presidente diocesano Gianni Borsa, intervenuto come giornalista.

Tommaso aggiunge: “Mi è piaciuto il nostro pomeriggio anche perché ho sentito tante notizie e mi sono informato di come è la situazione attuale su diversi argomenti. Mi è piaciuto molto questo incontro!”.

Molti gli aspetti affrontati della professione dei reporter: i ragazzi si sono presentati con penne, block notes, computer, vocabolari (il valore delle parole!), per raccontare una notizia che li aveva particolarmente colpiti, cercando di svilupparne ogni aspetto. Ed è poi seguita una domanda: ma se il cristianesimo e il vangelo di Gesù sono la “Buona Notizia”, allora anche gli evangelisti erano giornalisti? Dai ragazzi sono arrivate tante riflessioni riguardanti l’attenzione al mondo che li circonda, il momento che tutti stiamo attraversando, fino al significato del termine “farsi prossimo”.

acr ragazzina al computerElisa (nella foto), terza elementare, a sua volta dice: “L’incontro di domenica pomeriggio mi è piaciuto perché ho conosciuto un giornalista che mi ha raccontato quali sono gli strumenti del suo lavoro e perché mi ha detto che gli evangelisti sono stati dei bravi giornalisti. Io ho preso tanti appunti con la mia nuova penna e il taccuino dell’Ac. Non sapevo che Vangelo significasse ‘buona notizia’ e quindi quando sentirò parlare di una buona notizia penserò al Vangelo. Non vedo l’ora di ritrovarci per il prossimo incontro dell’Acr”.

A sua volta Clover, terza elementare, aggiunge: “Era la prima volta che partecipavo all’Acr, non conoscevo nessuno a parte la mia amica Elisa. Ero emozionata e spaventata. Invece mi è piaciuto molto. È stato bello ‘dare la notizia’, fare domande e scoprire il lavoro del giornalista. Gianni ci ha fatto capire che è importante ascoltare e avere molta curiosità”.

 

    Scrivi un commento