Foto - Video

Suor Elsa Antoniazzi ricorda Maria Dutto

OI - Maria Dutto, Conv. Cattolica 1997
Papa Francesco ha dato un forte impulso ultimamente al coinvolgimento delle donne nella vita comunitaria.
Infatti, con il Motu proprio dell’11 gennaio 2021, che istituzionalizza il servizio delle donne ai ministeri di lettori e di accoliti, e con  la fresca nomina del 6 febbraio 2021 di Suor di Nathalie Becquart alla sottosegretaria al Sinodo dei vescovi con potere di voto, Papa Francesco dà una risposta concreta a quanto egli stesso scrive al n. 23 di Fratelli  tutti: “l’organizzazione delle società in tutto il mondo è ancora lontana dal rispecchiare con chiarezza che le donne hanno esattamente la stessa dignità e identici diritti degli uomini”.
Ispirati dalle parole di Papa Francesco e mentre ci apprestiamo come AC ambrosiana a ripercorrere l’esperienza del gruppo Promozione Donna, fondato da  Maria Dutto e da Marisa Sfondrini negli settanta, abbiamo chiesto a Suor Elsa Antoniazzi, già socia dell’AC ambrosiana e oggi teologa dell’ordine delle Marcelline, di rileggere il tema della donna nella Chiesa di ieri e di oggi di cui essa è particolarmente esperta.  Suor Elsa ci dà anche testimonianza diretta di come operava Maria Dutto e di come il gruppo Promozione Donna, nel contesto della Chiesa post-conciliare, sia stato capace di intercettare e rileggere il femminismo allora imperante in modo assolutamente innovativo per quei tempi. 
 Demetrio Macheda, responsabile Azione Cattolica ambrosiana di Zona Milano

Scrivi un commento