Consigli di lettura Editoriale Media

Si è concluso il processo di beatificazione di Armida Barelli, la “sorella maggiore”dell’Ac ambrosiana

La notizia della conclusione del processo di beatificazione di Armida Barelli suscita una grande gioia nell’Azione Cattolica Ambrosiana. 

Armida Barelli è infatti, per la nostra Associazione, un punto di riferimento spirituale e un limpido esempio di vita cristiana. La sua testimonianza, intelligente e moderna, mostra profondi tratti “ambrosiani”; la sua biografia indica ancora oggi il valore prioritario del servizio ai poveri, la necessità di una formazione umana e cristiana al passo coi tempi, una presenza laicale intelligente e concreta, una speciale attenzione alla valorizzazione della donna nella nostra società e nella Chiesa. 

Armida è giustamente ricordata come la “sorella maggiore”, fondatrice a Milano della Gioventù Femminile di Azione Cattolica; figura nel nucleo dei fondatori dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, assieme a padre Agostino Gemelli; è ispiratrice e organizzatrice di innumerevoli altre realtà, fra cui l’Istituto Secolare Missionarie della Regalità e l’Opera della Regalità di Nostro Signore Gesù Cristo. 

Chiamata a livelli di responsabilità nazionale in Azione Cattolica, Armida ha saputo accompagnare l’apostolato con una vita di radicalità evangelica, la cura delle vocazioni laicali e religiose, l’avvio di un percorso di promozione femminile, contribuendo a formare generazioni di donne protagoniste a livello ecclesiale e civile.

L’Azione Cattolica deve molto ad Armida Barelli, e in particolare l’AC Ambrosiana riconosce in lei una figura-guida, assieme a innumerevoli altri soci e responsabili che ci hanno preceduto. Nei prossimi giorni ricorderemo, Maria Dutto, scomparsa un anno fa, presidente dell’AC diocesana fra gli anni ’70 e ’80, la quale considerava la Barelli una “guida” e una fonte di ispirazione nella propria vita.

Alla Beata Armida Barelli, assieme al Venerabile Giuseppe Lazzati, affidiamo il cammino della nostra Associazione.

La presidenza diocesana

Scrivi un commento